Comunicato stampa di WINE System AG

„Il cambiamento climatico è definitivamente entrato in vigna“: Risultati e riconoscimenti del Premio Internazionale Vini PIWI 2019

La giuria PAR® ha assaggiato 471 vini PIWI provenienti da 14 paesi.

Frasdorf, novembre 2019 – La capacità di resistenza agli agenti fungini in tempi di estremizzazione delle condizioni climatiche è solo uno dei punti di forza che uve PIWI come Regent, Cabernet Blanc o Solaris hanno dimostrato. Anche i loro pregi in campo di protezione climatica emergono sempre più a livello mondiale attirando l’attenzione dei viticultori. Meno funghicidi infatti significa anche meno passaggi con il trattore e suoli più sani, tre fattori che possono migliorare sensibilmente la bilancia di CO2 delle aziende. Se questi vitigni resistenti siano anche in grado di dare vini di alta qualità è stato nuovamente sottoposto all’esame della giuria PAR®  diretta da Martin Darting, dal 1° al 3° novembre 2019. Sui tavoli del Premio Internazionale PIWI erano presenti 471 vini di 14 paesi, un notevole incremento di partecipanti rispetto al 2018. Hanno esaminato i vini 18 Master  certificati PAR, organizzati in team di tre persone, assegnando 28 Gran Medaglie d’Oro, 196 Medaglie d’Oro e 198 d’Argento. La premiazione ufficiale si svolgerà il 27 novembre 2019 in occasione della Fiera dei Servizi al Viticultore di Karlsruhe.

Le eccellenze nelle valutazioni di punta del 2019

Che le uve PIWI siano ricche di pregi nella viticultura ecologica è stato evidente per l’alto numero di vini biologici tra i premiati: al Premio Internazionale PIWI del 2019, infatti, sono stati ben 200. I vini biologici sono ben rappresentati anche tra i vini di punta: sono ben 17 dei 28 assegnatari delle Gran medaglie d’Oro. Miglior vino della degustazione, quest’anno, è stato, con 99 punti, Göcseji Zamatos 2018 dell’azienda vinicola biologica dei Piccoli Carpazi Víno Hladký, un vino bianco ottenuto con vinificazione riduttiva. Seguono a brevissima distanza, entrambi valutati con 98 punti, il Sauvigner Gris secco 2018, vinificato in acciao dell’azienda BIO Jürgen Walz dello Kaiserstuhl in Baden, ed il riuscitissimo Saphira Barrique, una vinificazione ossidativa della Bosshart + Grimm Bio-Weingärten nella Svizzera tedesca. In totale sono stati premiati con la Gran Medaglia d’Oro 15 vini bianchi. Nella categoria vini rossi, nel 2019, sono state assegnate dieci Gran Medaglie d’Oro. Le valutazioni migliori hanno conseguito 98 punti: Utopia 2018 di Chateau Thivin, nel Beaujolais francese, un uvaggio affinato tradizionalmente in barrique da uve Prior, Chamburcin, Sauvignier Gris e Pinotin; la Riserva 2016 della casa vinicola biodinamica Schönals in Renania-Assia da uve Cabertin e Satin Noir; il „Mundorff - Cabernet Cantor im Barriquefass gereift“ 2018 della casa vinicola Wohlgemut-Schnürr in Renania-Assia; la vendemmia tardiva di Regent vinificata in acciaio con tecnica ossidativa della casa vinicola biologica Vollmer sulle rive del Lago di Costanza, nel Baden; ed il Nugeloro, un Cabernet 2018 della casa vinicola Schmidt Stingelin nello Jura svizzero.
Come ogni anno anche i vini da dessert sono stati rappresentati tra i vini di punta. In questa categoria sono stati premiati 3 vini con la Gran medaglia d’Oro. Tra questi ci sono il Solaris 2018 Selezione „Arzheimer Kalmit“ della casa vinicola Werner Anselmann nel Palatinato, e la Selezione di Regent con Botritis di E. e A. Behringer in Renania-Assia, entrambi da vinificazioni in acciaio, che hanno raggiunto 97 punti ciascuno.

La graduatoria con tutte le curve di valutazione PAR è già consultabile in rete all’indirizzo
https://www.piwi-international.de/it/results-2019-it.html
Gli elenchi per paese sono scaricabili gratuitamente al seguente collegamento:
https://www.piwi-international.de/it/download-2019-it.html.

Le uve PIWI ed il cambiamento climatico

Il concorso di quest’anno è stato nuovamente caratterizzato da un alto livello qualitativo molto diffuso. Qualche vino di punta in meno rispetto agli anni scorsi, ma si è evidenziata una grande competenza artigianale nella media dei vini presentati. Le difficoltà con le quali quasi tutti i viticultrici*tori hanno dovuto combattere nel 2018 sono state effetto del cambiamento climatico, che in questa annata caldissima per la Germania ed il Nordeuropa, sono entrate definitivamente in vigna. Soprattutto in zone climatiche fredde, dove tradizionalmente vengono prodotti vini freschi, i viticultori*trici hanno dovuto gestire bassi livelli di acidità ed un ridotto spessore di estratti. Se la risposta a questi cambiamenti, ora, sarà l’accettazione e l’adattamento oppure la lotta per il mantenimento della lista dei vini acquisita, saranno le viticultrici*tori a deciderlo. Il fatto è che sia l’uomo che la pianta non hanno il tempo di adattarsi adeguatamente alle modifiche climatiche in atto. L’oscillante affidabilità delle temperature e delle precipitazioni avrà ripercussioni sui tempi di maturazione, le rese e gli attacchi fungini, che tradizionalmente porta con sé il ricorso ai funghicidi di sintesi. La buona notizia è che questo rischio è minimizzato con l’impianto di vitigni PIWI: pochi funghicidi significano una riduzione della CO2 da macchinari su suoli più sani e resilienti.
Martin Darting: “il mio appello agli amanti del vino: siate aperti nei cofronti di nuovi vitigni e sostenete i PIWI. Perché le esigenze in essere portano i viticultori*trici sempre di più a piantare le specie più resistenti. E che queste diano vini di alta qualità e piacevolezza, lo mostrano ogni anno i risultati del Premio Internazionale dei vitigni PIWI.”

Il Premio Internazionale die vitigni PIWI: il Premio PIWI è stato creato per offrire un orientamento nella variegata scelta dei vitigni PIWI sia ai consumatori ed ai commercianti che ai viticultori nel loro ruolo di pionieri, rafforzando il loro impegno per un’agricoltura più sostenibile. Inizializzato da PIWI International ed organizzato da Wine System AG, il rinomato concorso internazionale si avvale della tecnica di analisi degustativa PAR® riconosciuta in tutto il mondo. Grazie al procedimento analitico e differenziato del sistema seguito dai degustatori PAR®, diversi aspetti della vinificazione e dell’andamento climatico vengono inseriti nei parametri di  valutazione. I risultati sono oggettivi e tracciabili per i viticultori stessi. Ulteriori informazioni sul metodo PAR® all’indirizzo https://www.piwi-international.de/it/par-sistema-it.html.

Informazioni supplementari:

PIWI International e.V. promuove lo scambio di informazioni tra istituti di ricerca, breeder, vivaisti, viticoltori di vitigni PIWI e produttori di vino. Negli ultimi anni, numerosi vitigni resistenti alle malattie funginee sono stati integrati nella pratica, tra i quali alcuni solo in via sperimentale. I viticoltori hanno grande bisogno di informazioni su questi vitigni. Ció comprende: descrizioni dettagliate delle loro caratteristiche, istruzioni per una vinificazione ottimale, degustazioni, discussioni su questioni di marketing e informazioni al consumatore. Oltre all'organizzazione di conferenze e gruppi di lavoro regionali, l'avvio dell'annuale Premio Internazionale dei Vini PIWI è una parte essenziale delle misure di PIWI International. www.piwi-international.de
Presidente: Josef Engelhart - Ufficio: Susanne Sommer +49  6133 5099226 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La WINE System AG, fondata nel 1999, con la sua estesa ed informativa banca dati, è la base del sistema di valutazione PAR® sviluppato da Martin Darting e rappresenta un valido e competente partner per viticoltori, commercianti così come per il pubblico del settore del vino e dell'analisi sensoriale. Come co-sviluppatore di questo innovativo e trasparente metodo di valutazione per prodotti esaminabili in modo sensoriale, come pane, Olio d’Oliva, formaggio, ecc., WINE System, sotto la guida di Martin Darting e Brigitte Wüstinger, organizza rinomati concorsi come il Premio Internazionale dei Vini Biologici, il PAR® Wine Award International ed il Premio dei Vini Piwi. La banca dati con i suoi più di 40.000 vini è apprezzata a livello internazionale come portale informativo complessivo e costituisce in molti campi un’applicazione professionale di notevole importanza. www.winesystem.de

Contatto

WINE System AG
Martin Darting und
Brigitte Wüstinger
Daxa 8
83112 Frasdorf
Tel. +49 8032 91633-30
Fax +49 8032 91633-49
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ufficio stampa

WINE System AG
Sonja Hartung

Daxa 8
83112 Frasdorf
Tel. +49 8032 91633-30
Fax +49 8032 91633-49
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Newsletter

Subscribe to our mailing list

* indicates required
Datenschutz

Our members come from following countries:

2011-2018 © PIWI International
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel. +49 6133 50 99 226
Made with from